Istituto Comprensivo di Capiago Intimiano
Piazza IV Novembre – 22070 Capiago Intimiano CO
tel. 031461447 – fax 031561408 – CF 80013500139 -Cod.Mecc. COIC 811002
Posta Elettronica Certificata: coic811002@pec.istruzione.it
– Posta elettronica: coic811002@istruzione.it

Circolare n. 2
Capiago Intimiano, 2 settembre 2020

A tutti i gemitori

p.c A tutti i docenti

Oggetto: misure di contenimento per la diffusione del contagio da Covid-19 nell’Istituto Comprensivo di Capiago Intimiano

In vista dell’avvio dell’a.s. 2020-21 e delle attività didattiche previste per tutti gli ordini di scuola si ritiene importante chiarire alcuni aspetti che riguarderanno la vita scolastica degli alunni, per i quali chiediamo a tutte le famiglie di farsi parte attiva nella sensibilizzazione dei minori al rispetto delle regole da seguire in ambito scolastico ai fini della prevenzione e del controllo della diffusione di Covid-19.

Il rientro a settembre è garantito in presenza a tutti gli studenti. Va però prestata massima attenzione alle indicazioni normative – quali il Piano Scuola pubblicato dal Ministero dell’Istruzione e successive integrazioni, le varie Ordinanze Regionali, le indicazioni ed i protocolli del Ministero della Salute e i verbali del Comitato Tecnico Scientifico (CTS) – e vanno adottate tutte le precauzioni necessarie al fine di prevenire la diffusione del contagio all’interno della nostra Scuola. Educare i minori al rispetto di indicazioni e protocolli è una responsabilità collettiva: investe la responsabilità educativa tanto delle famiglie, quanto della scuola.

L’organizzazione della scuola viene completamente ripensata alla luce delle indicazioni normative legate all’emergenza sanitaria e che subiscono continue modifiche secondo l’andamento dei contagi (ciò comporta la possibile necessità da parte dell’Istituto di rivedere, se necessario, indicazioni già fornite e di modificarle nel tempo secondo la situazione contingente).

Le famiglie dovranno controllare tutte le mattine la temperatura dei figli prima di mandarli a scuola e conseguentemente dovranno tenerli a casa se la temperatura supererà i 37,5° o in presenza di raffreddori/congiuntivite/indisposizione/tosse/malesseri generali.

Le misure fondamentali dalle quali far scaturire tutta la nuova organizzazione della scuola e dei comportamenti degli operatori scolastici (docenti e non docenti), nonché degli alunni e dei rispettivi genitori sono:

  • Evitare assembramenti

  • Mantenere il distanziamento fisico e usare la mascherina (non previsto per le scuole di infanzia)

  • Provvedere alla rigorosa igiene delle mani, personale e degli ambienti

  • Provvedere alla aereazione costante degli ambienti (almeno per 5/10 MINUTI ogniora, a cura del docente di classe)

Saranno utilizzati tutti gli ingressi/uscite dei vari edifici scolastici, al fine di evitare assembramenti. Ogni classe avrà informazione specifica dell’ingresso/uscita da utilizzare.

Stiamo cercando di mantenere invariati gli orari di ingresso/uscita per evitare ogni cambiamento possibile, ma per alcuni plessi spazi ristretti e numeri consistenti rendono difficile garantire il distanziamento e potrebbe rendersi necessario uno scaglionamento orario. Le classi interessate riceveranno successivamente le informazioni dettagliate.

Sono sospese tutte le attività che richiedono interazione tra classi e tra gruppi di classe differente. Non è possibile svolgere lezioni che prevedano attività laboratoriali o di studio a classi aperte e non è autorizzata la condivisione di materiali anche all’interno della propria classe.

Va costantemente mantenuto lo spazio di UN METRO fra le rime buccali degli alunni quale misura di primaria importanza nelle azioni di prevenzione.

Va garantito il distanziamento fisico nella zona interattiva della cattedra, per la quale è necessario che tra l’insegnante e i banchi in cui stazionano gli alunni vi sia una distanza di ALMENO DUE METRI.

L’Istituto Comprensivo di Capiago Intimiano ha effettuato un attento lavoro di organizzazione, misurando le superfici delle classi, posizionando i banchi, rimuovendo tutti gli arredi non indispensabili.

È stata chiesta la collaborazione delle tre Amministrazioni Comunali di competenza (Capiago Intimiano, Senna Comasco, Montorfano) per risolvere le criticità riscontrate in ciascuno dei nove plessi e per garantire la ripresa delle lezioni con la didattica in presenza (es.: ampliamento e adeguamento spazi aule per aule didattiche, incremento servizi igienici alunni, sistemazione ingressi/uscite, acquisto arredi specifici, sistemazione spazi esterni, ecc.).

Sono stati inoltre richiesti al Ministero dell’Istruzione numerosi banchi monoposto piccoli da sostituire in alcune aule a quelli già in dotazione (troppo grandi per consentire il distanziamento necessario) e un incremento dell’organico del personale docente e ATA per garantire maggiore copertura in termini di pulizia, igiene, vigilanza.

I banchi (monoposto) di ogni aula saranno disposti separati l’uno dall’altro in modo tale da garantire il distanziamento fisico; sarà disposta sul pavimento la segnaletica che consentirà di riportarli nella posizione corretta in caso di spostamento (accidentale o per le pulizie).
L’utilizzo della mascherina per tutta la durata della permanenza a scuola verrà rischiesta agli allievi temporaneamente sole se si verificasse all’inizo delle attività didattiche il perdurare di situazioni di criticità.
In presenza di distanziamento fisico di almeno un metro i bambini di scuola primaria e i ragazzi di scuola secondaria del nostro istituto potranno abbassare la mascherina durante le lezioni quando siedono nelle loro postazioni, ma dovranno indossarla in tutte le situazioni in cui non sarà possibile garantire il distanziamento (es. spostamenti in aula, nell’edificio, all’esterno).

La condizione necessaria affinché il docente in servizio autorizzi l’abbassamento della mascherina per gli alunni è la certezza che questi ultimi siano seduti e distanziati come già calcolato con la disposizione fissa dei banchi.

Si chiede la collaborazione dei genitori nel sensibilizzare i figli al rispetto di questa semplice e fondamentale misura di prevenzione, che tutela loro stessi, il personale docente e non docente, le famiglie degli altri alunni e l’intera comunità.

Il Comitato Tecnico Scientifico nel verbale COVID/0044508 del 12/08/2020 ha chiarito come segue l’impiego delle mascherine.

La mascherina (preferibilmente chirurgica) dovrà essere OBBLIGATORIAMENTE INDOSSATA durante:

  1. la fase di ingresso ascuola;

  2. la fase di uscita dallascuola;

  3. gli spostamenti in classe, per esempio quando si dovrà uscire per utilizzare i servizi igienici, oppure effettuare un esercizio allalavagna;

  4. gli spostamenti nei corridoi come per esempio per recarsi in palestra, nel cortile della scuola per attività fisica o didattica o nei relativilaboratori;

  5. tutte le situazioni di movimento ed in generale in tutte quellesituazioni (statiche o dinamiche) nelle quali non sia possibile garantire il distanziamento prescritto.

La MASCHERINA chirurgica deve essere acquistata dala famiglia e fornita al proprio figlio/a e deve essere sostituita con una certa frequenza.

Tutti gli alunni, tranne che alla scuola dell’infanzia, dovranno utilizzare mascherine personali e averne una scorta in cartella.

La MASCHERINA NON È OBBLIGATORIA:

  1. per i bambini al di sotto dei 6 anni;

  2. per i soggetti con forme di disabilità o problemi di salute non compatibili con l’uso continuativo della mascherina stessa;

  3. durante l’attività fisica in palestra dove comunque bisogna garantire il distanziamento interpersonale di almeno 2 metri durante l’effettuazione di esercizi fisici rigorosamente individuali;

  4. durante la consumazione della merenda o del pasto.

La consumazione della merenda potrà effettuata all’esterno (secondo turnazione delle classi) qualora gli spazi disponibili e il clima lo consentano e/o al proprio posto in classe, avendo sempre cura di osservare il distanziamento fisico di un metro.

Non sono consentiti liberi spostamenti in classe se non quelli autorizzati dal docente, né è possibile avvicinarsi ad altri compagni.

La regola fondamentale da rispettare è quella del DISTANZIAMENTO FISICO. Seppur nella consapevolezza che non sarà facile, dobbiamo attenerci tutti scrupolosamente alle indicazioni, al fine di prevenire possibili situazioni di contagio e tutte le conseguenti misure di messa in quarantena qualora si dovesse verificare anche un singolo casocertificato.

Tutti i locali scolastici vengono accuratamente igienizzati e sarà garantita durante lo stazionamento di bambini e ragazzi una costante ed adeguata aereazione, insieme alle norme igienicheusuali.

Durante le prime settimane di scuola saranno illustrate agli alunni a cura dei docenti tutte le disposizioni in tema di sicurezza generale e specifica Covid, che potranno essere inserite nella programmazione educativa e didattica come specifici percorsi di educazione alla cittadinanza.

Si chiede alle famiglie la massima collaborazione con la scuola e i docenti, affinché i bambini e i ragazzi vengano sensibilizzati e interiorizzino in modo chiaro e completo le REGOLE NECESSARIE DA RISPETTARE RIGOROSAMENTE affinché ci si possa difendere con laprevenzione e la protezione opportuna dal contagio da Covid 19.

La Dirigente Scolastica, i docenti, i collaboratori scolastici vigileranno sulla corretta applicazione dell’obbligatorietà dell’utilizzo della mascherina.

Per assicurare una rigorosa igiene delle mani, la Scuola ne favorirà il lavaggio frequente.

Sono stati acquistati e collocati in ogni aula i dispenser di gel igienizzante, per garantire l’igienizzazione soprattutto in fase di entrata in classe alla prima ora di lezione o di rientro da altri locali (laboratori, palestra, giardino, …).

Si confida nella collaborazione da parte di tutti i soggetti operanti nella scuola, degli alunni e delle loro famiglie, in una forte alleanza educativa oggi più che mai.

Il sito della scuola sarà costantemente aggiornato sulla base dell’evoluzione sanitaria e normativa: si invita a consultarlo con assiduità.

Cordialmente

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dott. Magda Zanon

(Firma autografa sostituita a mezzo stampa

ai sensi art. 3, c. 2, D.lgs. n. 39/93)