Istituto Comprensivo di Capiago Intimiano
Piazza IV Novembre – 22070 Capiago Intimiano CO
tel. 031461447 – fax 031561408 – CF 80013500139 -Cod.Mecc. COIC 811002
Posta Elettronica Certificata: coic811002@pec.istruzione.it
– Posta elettronica: coic811002@istruzione.it

A TUTTO IL PERSONALE DELLA SCUOLA

                                         A TUTTI COLORO I QUALI ACCEDONO ALL’EDIFICIO SCOLASTICO

                                       ALL’ALBO DELLA SICUREZZA DI OGNI PLESSO

Si comunicano , per opportuna conoscenza, le procedure da attivare in caso di pericolo:

Procedure in caso di incendio

Quando si è in presenza di un principio di incendio:

  • Si può intervenire direttamente per spegnere o circoscrivere il focolaio solo se si è a conoscenza delle caratteristiche e modalità d’uso degli estintori, così come indicati nelle apposite riunioni di informazione.
  • Gli idranti ed i naspi devono essere utilizzati dagli addetti antincendio e dal personale dei Vigili del Fuoco.
  • Non usare mai acqua su apparecchiature elettriche.
  • Valutata la situazione, se non si doma l’incendio in 5 minuti, il Datore di lavoro o il suo sostituto nel plesso       ordina l’evacuazione e ciascun addetto alla sicurezza si attiva come previsto nel piano emergenza.
  • Un addetto della Squadra d’emergenza provvede ad interrompe il flusso di combustibile girando la leva d’interruzione della centrale termica.
  • Ad evacuazione completata in sicurezza, un addetto della Squadra d’emergenza provvede ad interrompere l’Energia Elettrica mediante pulsante di sgancio ESTERNO.

Procedure in caso di terremoto

In caso di terremoto, vanno osservate le seguenti istruzioni:

  • Durante la scossa cercare riparo sotto i banchi, le cattedre,       i tavoli, sotto       un’ architrave, agli angoli delle pareti.   Non uscire disordinatamente sulle scale o fuori dall’edificio (le scale rappresentano  una parte debole degli edifici).
  • Terminata la scossa uscire dalle classi ordinatamente e in fila indiana, seguendo le regole in vigore per le evacuazioni  (anche se il personale addetto non  fa in tempo a suonare l’allarme).
  • I docenti escono con gli studenti portando il registro e controllano che ci siano tutti. Una volta all’esterno compilano il modulo di evacuazione che deve sempre essere presente per l’eventuale utilizzo nel registro di classe.
  • Ogni classe deve utilizzare per l’evacuazione il percorso indicato sulle planimetrie per raggiungere i punti di raccolta esterni (se i percorsi sono interrotti, possono usare uscite alternative).
  • Si attende       l’ordine di rientro nei punti di raccolta.
  • Devono essere puntualmente compilati i moduli per l’evacuazione.
  • Il personale addetto alla sicurezza, all’uscita degli studenti, controlla che non sia rimasto nessuno ai piani ed esce a sua volta.
  • Il personale addetto e appositamente designato procede alla chiusura degli interruttori generali (acqua, luce, gas).

Procedure in caso di fuga di gas

Quando si è in presenza di una fuga di gas:

  • Spegnere le eventuali fiamme libere presenti.
  • Aprire immediatamente tutte le finestre.
  • Un addetto della Squadra d’emergenza provvede ad interrompe il flusso di combustibile girando la leva d’interruzione della centrale termica
  • Un addetto della Squadra d’emergenza provvede ad interrompere l’Energia Elettrica mediante pulsante di sgancio ESTERNO e a non effettuare nessuna altra operazione elettrica (non usare nemmeno il telefono).
  • La Squadra d’emergenza verifica se vi sono cause accertabili di fughe di gas (rubinetti aperti, visibile rottura di tubazioni in gomma).
  • Se non si è in grado di eliminare la causa della perdita, il Collaboratore scolastico telefona (DALL’ESTERNO!) all’azienda del gas e ai Vigili del Fuoco.
  • Al termine della fuga di gas, lasciare ventilare il locale fino a non percepirne più l’odore.

Procedure in caso di allagamento

In caso di allagamento

  • Un addetto della Squadra d’emergenza interrompe immediatamente l’erogazione di acqua dal contatore esterno
  • Un addetto della Squadra d’emergenza provvede a interrompere l’erogazione di Energia Elettrica mediante pulsante di sgancio ESTERNO e a non effettuare nessuna altra operazione elettrica
  • La Squadra d’emergenza verifica se vi sono cause accertabili della perdita di acqua (rubinetti aperti, visibile rottura di tubazioni)
  • Se non si è in grado di eliminare la causa della perdita, il Collaboratore scolastico telefona all’azienda dell’acqua e ai VVF
  • Al termine della perdita d’acqua, drenare l’acqua dal pavimento, assorbire con segatura e stracci, verificare che l’acqua non abbia raggiunto quadri, apparecchiature elettriche e scatole di derivazione

Procedure in caso di guasto elettrico

In caso di guasto elettrico:

  1. SE LE LUCI DI EMERGENZA SONO PRESENTI E ACCESE:
    • Invitare il personale, gli alunni e i visitatori a rimanere nella posizione in cui si trovano
    • Attendere qualche minuto, poi fare evacuare ordinatamente i visitatori, gli alunni ed il personale seguendo le vie di fuga predefinite.
  2. SE LE LUCI DI EMERGENZA PRESENTI NON SONO ACCESE:
    • Invitare il personale, gli alunni e i visitatori a rimanere nella posizione in cui si trovano
    • Procurarsi torce elettriche e fare evacuare ordinatamente i visitatori, gli alunni ed il personale seguendo le vie di fuga predefinite.

Procedure in caso di presenza di ordigno

In caso di rinvenimento di ordigno e di chiamata terroristica, chiunque si accorga di un oggetto sospetto o riceva telefonate di segnalazione:

  • non si avvicina all’oggetto, non tenta di identificarlo o di rimuoverlo
  • avverte il Datore di lavoro o il suo sostituto nel plesso che dispone lo stato di allarme.

Lo stato d’allarme consiste in

  • attivare l’allarme per l’evacuazione,
  • attivare tutti i soccorsi tramite numero unico 112
  • coordinare tutte le operazioni attinenti

Procedure in caso di emergenza tossica o emergenza che comporti il rimanere nella scuola

In caso di emergenza per nube tossica, è indispensabile conoscere la durata del rilascio, ed evacuare solo in caso di effettiva necessità. Il personale della scuola é tenuto al rispetto di tutte le norme di sicurezza, a salvaguardare l’incolumità degli alunni.

  • In particolare in caso di emergenza tossica, é’ importante il contatto con l’ente esterno per decidere tempestivamente se la durata del rilascio é tale da consigliare l’immediata evacuazione.

Il Docente responsabile delle classi:

  • Chiude le finestre e tutti i sistemi di ventilazione, le prese d’aria presenti in classe.
  • Assegna agli alunni compiti specifici per la preparazione della tenuta dell’aula (stracci, acqua..).
  • Ordina agli alunni di stendersi a terra e di tenere uno straccio bagnato sul naso.
  • Si mantiene in continuo contatto con il Datore di lavoro o il suo sostituto nel plesso

Procedure in caso di evacuazione

In caso di evacuazione

  • Ogni docente deve sapere riconoscere il segnale di evacuazione utilizzato nel plesso
  • Ogni docente deve sapere quali sono le vie di fuga e la zona di sicurezza in cui condurre la propria classe
  • Ogni docente, preso il registro di classe, si occuperà della propria classe guidandola verso il punto di raccolta
  • Nel caso della presenza di un alunno con impedimento di movimenti l’addetto ai disabili (permanenti/temporanei) lo faciliterà nell’evacuazione
  • Tutti coloro che al momento dell’emergenza non sono responsabili di alcuna classe si dirigono al punto di raccolta

F.to IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dott.ssa MAGDA ZANON